Io in 10 righe: Magdalena Maria Kubas

Magdalena Maria Kubas

Non basta essere nati, lo capii qualche tempo fa quando nel mio piccolissimo comune mi chiesero il certificato di nascita. Per estratto, si capisce: basta quella manciata di dati che tutti sanno già, purché il fatto venga attestato. Va allegata una marca da bollo. La letteratura pretende molto meno, l’esistenza si autocertifica sulle pagine riempite di lombrichi neri e tortuosi della scrittura: sono un’individualista asociale di trent’anni. Affrancata. Non svelerò altro.