I racconti del laboratorio Eks&Tra al festival It.A.Cà.

 “Dall’altra parte del mare”, i  racconti dal laboratorio di scrittura interculturale 2017, organizzato dall’università di Bologna, dipartimento di Italianistica, e dall’associazione Eks&Tra, saranno i protagonisti alle ore 16 del 25 maggio al Mercato Sonato (via Giuseppe Tartini 3) all’interno di It.A.Cà, migranti e viaggiatori, festival del turismo responsabile che si svolgerà a Bologna dal 19 al 28 maggio.

I racconti sono frutto del laboratorio di scrittura meticcia e collettiva, che ha come tutor lo scrittore Wu Ming 2. Al laboratorio hanno partecipato una quarantina di studenti provenienti da diverse nazioni. La particolarità del laboratorio è che, pur rientrando nel percorso accademico, è aperto anche a migranti non iscritti all’università.

Riflessione che sottende a tutti i racconti è il fatto che il Mediterraneo, da sempre spazio aperto agli scambi e agli incontri, è divenuto una immensa tomba a causa di una politica disumana, frutto della guerra di esclusione che la Fortezza Europa sta combattendo, in nome dell’egoismo e del razzismo, contro migranti in fuga da guerre e da carestie. Le coste, punto di approdo e di salvezza, oggi respingono invasioni indesiderate, e le politiche migratorie tendono ovunque ad erigere muri e ostacoli invalicabili, fortunatamente non per la letteratura.

Il titolo allude alla relatività dei punti di vista, e delle posizioni storiche e sociali, che vedono i popoli costretti alla partenza o spinti alla accoglienza, consentendo di ripercorrere le rotte e i cammini che, in un passato recente e nel dramma del presente, tra punto di imbarco e miraggio di approdo, disseminano i continenti di dolore e incomprensione, ma anche rinnovano culture e mentalità.

Gli esercizi narrativi del Laboratorio di scrittura interculturale, tesi a una creatività collettiva, che avvicini identità autoctone e presenze straniere, rispondono alla necessità di dialogo e di scambio, oltre ogni barriera, sono luogo di sperimentazione di nuove comunità, attraverso il recupero di storie, racconti, narrazioni che aiutino a guardare oltre gli stereotipi di un’epopea delle migrazioni, che coinvolge l’intera umanità nei viaggi oltre il mare per raggiungere il mondo nuovo, lontano e sognato.

A cura di Fulvio PezzarossaDipartimento di Filologia Classica e Italianistica, Università di Bologna, Wu Ming 2 e associazione Eks&Tra

Ulteriori informazioni nel sito di It.A.Cà