Abraham Ouattara (Costa D’Avorio) – La mia giornata

La mia giornata in Costa d’Avorio

Mi sveglio felice alle ore cinque di mattina per pregare, a volte mi sveglia la mamma, dormo con mio fratello. Quando mi sveglio trovo la mamma, mio padre e a volte i miei fratelli. A volte faccio la colazione e a volte la trovo pronta. La mamma la prepara per me. A colazione mangio il pane con il latte.

Dopo la colazione vado a scuola, a volte con mio padre o con la mamma. Noi andiamo con la macchina, quando mio padre è a casa vado con la mamma a piedi. A volte mi piace andare a scuola, a volte no. A volte arrivo in tempo e a volte in ritardo. Quando entro in classe i professori mi dicono ogni giorno sei in ritardo. Non ho mai portato qualcosa a scuola per mangiare o per bere.

A volte compro il pane con la carne per mangiare con il mio amico che si chiama Traore Souleymane.

Mi ricordo che dopo la scuola ritornavo con il mio professore, perché abita vicino a me. Quando rientro a casa trovo mio fratello. Quando arrivo a casa sono molto affamato, trovo il cibo pronto. Mi ricordo di due piatti che mangiavo preparati con il riso. A pranzo c’era mio padre a volte un amico e la mamma quando lei è a casa.

Dopo il pranzo beviamo il succo di arancia o la coca cola. Io non mi riposavo mai, ma loro sì. Per fare i compiti andavo sulla terrazza o a volte a casa di un mio amico.

A cena è molto diverso, ma mi piaceva così perchè c’era tutta la famiglia. La sera si mangia di tutto e si beve di tutto dopo la cena, ma senza l’alcol. Dopo cena si guarda la TV e a volte si gioca.

La mia giornata in Italia

Mi sveglio alle quattro e trenta per fare la doccia e dopo pregare alle cinque e venti. A volte mi sveglio da solo a volte mi sveglia mio padre. Dormo da solo. Quando mi sveglio trovo la mamma a volte. Non ho litigato per andare in bagno perchè ognuno di noi aveva il suo orario.

Dopo la doccia faccio la colazione, a volte la trovo pronta. Mangio i dolci o la pasta.

Dopo la colazione vado al lavoro in macchina con mio padre. Mi piace molto il mio lavoro perchè inizia alle sei di mattina e finisce alle dieci-trenta e a volte lavoro il pomeriggio. Lavoro con una cooperativa alla BRT (Bartolini). Arrivo in tempo, ma a volte in ritardo di dieci o cinque minuti. A volte prendo qualcosa per mangiare quando lavoro nel pomeriggio. A volte mangio con il mio amico Akiv o Artu.

Quando ritorno a casa a volte trovo la mamma. Arrivo molto affamato, a volte trovo il cibo pronto. A volte c’era a pranzo la mamma con me. A volte mancava mio padre e mia sorella. E a cena siamo tutti insieme. Si mangia il dolce tipico e dopo la cena si beve la coca-cola, un po’ di tutto. Dopo la cena guardiamo la TV e dopo dieci minuti vado a letto.